Articoli aggiornati su come curare la balbuzie.

la-balbuzie-è-ereditaria

LA BALBUZIE È EREDITARIA?

Molte mamme si chiedono e ci chiedono se la balbuzie è ereditaria. Giusta domanda e giusta riflessione. Spesso in terapia si evince che ad essere affetti da balbuzie non è solo il bambino, o l’adolescente in cura, ma ha sofferto di balbuzie…
Controllo balbuzie - Evoluzione della balbuzie

EVOLUZIONE DELLA BALBUZIE

La balbuzie si riscontra molto spesso nel bambino precoce dal punto di vista intellettuale Nel bambino dotato di intelligenza precoce, il comportamento e l’attività linguistica sono spesso più evoluti rispetto all’età. Si tratta a volte…
balbuzie-e-stampa

BALBUZIE E STAMPA ITALIANA

Da oltre vent’anni, il dott. Antonio Bitetti ha introdotto nel nostro Paese un modello interpretativo e terapeutico decisamente innovativo, riguardo alla cura della balbuzie: l’Approccio Integrato.
Balbuzie nei bambini - Cause neurologichewww.ist-balbuzie.com

CAUSE NEUROLOGICHE DELLA BALBUZIE

  In questo approfondimento, parliamo delle possibili cause neurologiche della balbuzie. Come molti lettori potranno notare, soprattutto negli ultimi anni, ciclicamente appaiono su diverse testate giornalistiche, notizie di…
Modello terapeutico per la cura della balbuzie.

NUOVO MODELLO TERAPEUTICO PER LA CURA DELLA BALBUZIE

Nel nostro modello di intervento terapeutico si parte dal presupposto che il balbuziente va aiutato a comprendere che il suo linguaggio alterato è frutto di un modello di pensiero e di emotività che ha radici nella propria personalità.
Intervista al dottore dei balbuzienti

Il dottore dei balbuzienti: Intervista ad Antonio Bitetti

Intervista per i lettori di Ticinolive ad Antonio Bitetti, uno specialista della cura della balbuzie: profondo conoscitore della materia, autore di libri, terapeuta di grande esperienza.
Metodo di cura

INTERVISTA SUL TEMA BALBUZIE PER MYBESTLIFE

La balbuzie affligge l'1,5% della popolazione italiana con un'incidenza maggiore sugli uomini. Sono per lo più persone che non hanno fiducia in se stesse e nelle proprie capacità: si autosvalutano, o meglio, tendono a trattenere le proprie energie, a scapito della competizione.