Articoli

LA BALBUZIE IN ETA’ PRESCOLARE

LA BALBUZIE IN ETA’ PRESCOLARE – UN MODELLO DI TERAPIA

 

 

LA BALBUZIE INFANTILE – TERAPIA ED INNOVAZIONE

Di solito, quando una famiglia con un figlio affetto da balbuzie primaria si rivolge alle strutture pubbliche, si sente rispondere che è necessario attendere l’età scolare per poter intervenire. Difatti, fino a poco tempo fa bisognava attendere il raggiungimento dei 6 anni per poter essere preso in carico dai professionisti della voce per ricevere le prime cure.  Fino a quel periodo, le famiglie e i loro figli dovevano pazientare e soffrire in silenzio.ISTITUTO EUROPEO BALBUZIE - la balbuzie negli adulti dott. Bitetti - cura per la balbuzie - definizione di balbuzie

Da alcuni anni non è più così. Attraverso le ricerche d’avanguardia condotte dal dott. Antonio Bitetti, psicologo-psicoterapeuta, ricercatore nel campo della balbuzie e della psicologia della comunicazione, anche i bambini piccoli, o molto piccoli, possono superare serenamente il loro disagio usufruendo delle cure specifiche da lui introdotte per primo in Italia e in Europa.

L’Approccio Integrato, finalizzato alla cura della cosiddetta balbuzie primaria, fase iniziale di balbuzie, affronta completamente il problema, sul nascere. Tale approccio, previene il fenomeno della cronicizzazione del disturbo, evitando inutili e sterili sofferenze, sia nel bambino che vive direttamente il disagio e sia nella famiglia, spettatrice passiva della situazione.

Gli studi condotti dal dott. Bitetti rappresentano una novità assoluta nel panorama  attuale delle ricerche sulla balbuzie infantile e saranno esposte al prossimo Congresso della American Psychological Association, di cui egli fa parte da alcuni anni. Questa terapia è rivolta espressamente ai genitori e non al bambino disfluente, il quale riceve il beneficio dell’approccio terapeutico, direttamente da loro, guidati nel cammino terapeutico dal dott. Bitetti. I risultati fino a questo momento sono a dir poco eccezionali e tutti i casi trattati rimarcano il valore di questo tipo di intervento.

Adesso, anche i bambini di 3-4 e 5 anni affetti da balbuzie primaria, o balbuzie infantile come altri la definiscono, possono essere curati senza nessuna controindicazione e anche le famiglie possono così ritrovare la loro serenità. Come si dice spesso in questi casi: “ E’ meglio prevenire che curare” e in effetti, affrontare precocemente tale disturbo evita ripercussioni negative, sia nel bambino e sia nei genitori.

ISTITUTO EUROPEO BALBUZIE- la balbuzie negli adulti dott. Bitetti - cura per la balbuzie - definizione di balbuzie

BALBUZIE INFANTILE

La diagnosi precisa di balbuzie non si può fare prima dei 5 anni, età in cui si evidenzia un picco massimo e viene  di solito definita balbuzie primaria, balbuzie precoce, balbuzie infantile etc. Si sa con certezza che ne sono colpiti circa il 5% dei bambini in ogni cultura e società in ogni parte del mondo.

Una recente ricerca australiana (Pediatrics, Vol. 123 N° 1 Gennaio 2009) riferisce addirittura un’incidenza dell’8,5% all’età di 3 anni e sembrerebbe associata al momento di rapido sviluppo della struttura delle aree predisposte al linguaggio e ad un forte incremento del vocabolario. Pare che l’80% di loro andranno incontro ad una graduale risoluzione del disturbo mentre l’1-2% cronicizzerà la difficoltà di linguaggio.

Recenti studi effettuati su un ampio campione di gemelli avvalorano l’ipotesi di una sorta di vulnerabilità familiare alla balbuzie, sia per quanto riguarda la cronicizzazione sia per la risoluzione spontanea.
Risulta pertanto inutile e controproducente che un bimbo che balbetta in età prescolare acceda ad un trattamento qualora esistano dei casi in famiglia di risoluzione spontanea. E’ per questo che le più recenti indicazioni invitano gli specialisti a prendere in carico i bambini intorno agli otto anni d’età. Inoltre solo a quell’epoca l’apparato fono-articolatorio ha raggiunto la sua piena maturazione fisiologica ed il disturbo può dirsi pertanto cronico e strutturato.

Tali scoperte non devono spaventare nè colpevolizzare i genitori, piuttosto incoraggiarli e contenere l’allarmismo di cui sono spesso vittime inconsapevoli, frutto di informazioni ormai superate e scientificamente non confermate. Secondo ricerche ad impostazione organicistica, l’origine della balbuzie è da ricercare in molte cause di svariata e complessa origine e quindi, per loro il fattore psicologico come elemento principe è ormai un concetto superato.

* Genetic etiology in cases of recovered and persistent stuttering in an unselected, longitudinal sample of young twins. Dworzynski K., Remington A., Rijsdijk F., Howell P., Plomon R., – Am J Speech Lang Pathol. 2007 May; 16(2): 169-178

Peccato però che molti ricercatori non confrontino adeguatamente le loro ricerche, si evidenzierebbe l’importanza della comunicazione, degli stili di comunicazione all’interno della famiglia del bambino candidato alla balbuzie e soprattutto, il fattore controllo emozionale che si riversa infine come controllo della fonazione (A. Bitetti,2001, 2006, 2010).

Di solito la balbuzie la si può evidenziare maggiormente a scuola, dove il bambino inizia ad interagire su un piano di relazione ed anche di competizione. Questo perché sono in gioco dinamiche aggressive ben studiate dal dott. Antonio Bitetti, ma scarsamente prese in considerazione da altri Autori.

Non tutti sanno che il balbuziente nel chiuso della propria stanza, non condizionato da eventuale giudizio esterno, parla benissimo. Tale aspetto si evince in qualunque balbuziente ed in tutte le diverse forme, anche in quei soggetti affetti dalle forme più gravi. Questo dato importante la dice lunga sulle implicazioni fortemente relazionali di tutta la problematica in questione.

Difatti, il dott. Bitetti, è da sempre impegnato nel sottolineare come il linguaggio ha necessità di essere sostenuto da una adeguata energia di base. Senza quella energia, che è su base aggressiva, da non confondere con la violenza, la prestazione verbale, ovviamente ne risente. Pertanto, con una carenza di supporto energetico si espone ad una prestazione di basso livello, ed ecco il linguaggio claudicante, tipico della balbuzie ( A. Bitetti, 2001, 2006, 2010).

Però, si sa che la cultura italiana ha sempre bisogno di conferme dall’estero, è un po’ esterofila. Tutto quello che viene da fuori è degno di nota, le nostre produzioni scientifiche, purtroppo per noi, vengono sottovalutate.

Il bambino balbetta perché ha paura della sua stessa energia, non comprende tante cose che gli accadono in così poco tempo e non viene nemmeno aiutato dai grandi, compresi i cosiddetti professionisti del linguaggio, perché la confusione è grande e le risposte idonee sono davvero poche.